La curandera Margarita: il risveglio dell’energia femminile

Luglio 3, 2017 310 Visite Caterina

 

 

 

La voce della curandera Margarita è una voce che cura, cambiano i costumi e i colori ma la sua saggezza ci risuona, e ci sentiamo a casa come quando ci facciamo raccontare da qualche anziana pratiche di vita ora così lontane. Questa sciamana ha un obbiettivo che si chiama risveglio del femminile.

 

La presenza forte dell’energia femminile in Sardegna non è un mistero e sebbene si siano perse le tracce di certe usanze, il ruolo centrale della donna resta impresso nella memoria culturale, linguistica e storica, e come nel resto del mondo, risveglia una nuova consapevolezza femminile.

 

La curandera Margarita Alvarez Nuñez è una sciamana guaritrice della tradizione maya, membro del consiglio intertribale degli anziani d’America.

Questa donna con grande consapevolezza e saggezza è la voce del risveglio del potere dell’energia femminile sia essa nell’uomo o nella donna. È un invito affinchè possiamo riconciliarci col nostro maschile interiore e infine trasmutare nell’amore.

 

Le sfide dell’energia femminile, amare

 

Amore è prima di tutto predisporsi ad amare.

Il primo passo per questa riconciliazione è l’amore per noi stessi attraverso il perdono, la resa, l’ascolto, la comprensione ma soprattutto sentendoci noi stessi meritevoli d’Amore.

Questo amore verso la divinità che alberga in noi è il primo passo per rendersi disponibili all’amore fuori da noi, una qualità che è insita nell’aspetto femminile dell’essere presente nell’uomo e nella donna.

Quando siamo amore siamo unione, ci accorgiamo dell’altro a ogni livello di esistenza, non poniamo condizioni di specie, quando siamo amore diventiamo inevitabilmete custodi della Madreterra e da essa apprendiamo le basi elementari della vita, è con questo amore che onoriamo le tradizioni e i nostri antenati onorando così noi stessi e amplificando la nostra consapevolezza.

Si parla dell’energia femminile e della donna in quanto associata al simbolo del cerchio e della spirale. La donna con il suo ciclo del sangue porta nella sua natura il cadenzarsi della vita, in un ritmo incessante che si ripete mese dopo mese.

Nella donna è impressa nel ventre la memoria della vita stessa. Da questa sensibilità dell’energia femminile inizia la trasmutazione dell’essere che solo riappacificandosi col suo maschile potrà veramente portare nel mondo se stesso.

 

Le manifestazioni della Dea

 

La Pachamama dei nativi americani assume spontaneamente l’aspetto e i tratti dell’antica Dea Madre sarda in un tempo in cui le società matrifocali appartenenti all’età del bronzo condividevano le medesime specificità.

Queste non erano esclusive del Mediterraneo e nel caso peculiare della Sardegna si sono conservate nelle usanze e nel ruolo della donna considerata da sempre al pari livello dell’uomo.

Le varie accabadoras, guaritrici e sibille appartenenti a uno sciamanesimo oggi piuttosto larvale, per dirlo con le parole di Dolores Turchi, sono sempre esistite in un tempo compreso fino a 50 o 60 anni fa, così vicino da poterne conservare testimonianza e memoria.

Guaritrici e guaritori che per sapere, erbe e guarigione erano alla stregua dei curanderos d’America.

 

Questo risveglio femminile in Sardegna non si è mai del tutto spento e sta attraversando i paesi i tutto il mondo ancora una volta portando l’accento non solo sul risveglio del femminino ma soprattutto sul femminile come canale d’amore.

A questo giro abbiamo bisogno di un maggiore sforzo di consapevolezza e partendo dalla nostra energia femminile interiore riconciliarci con essa, col nostro maschile e con l’amore, perché solo con l’armonia dentro noi stessi potrá esserci un futuro per questa splendida terra. E con questo antico canto!

 

Sono il potere in me
Sono l’amore del sole e la terra
Sono il Grande Spirito e sono eterna
La mia vita è piena di amore e allegria

 

 

 

Se ti è piaciuto questo articolo, seguimi alla pagina fb:
 Feminas Blog- Il Risveglio della Consapevolezza femminile

0 Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *